Gnatologia

gnatologia

E’lo studio del modo con cui i denti si incontrano, ovvero l’occlusione, e porta ad analizzare la rete di muscoli che muovono la mandibola e le articolazioni temporo-mandibolari; quest’ultime regolano tutti movimenti mandibolari ovvero masticazione, fonazione, respirazione e serramento-digrignamento.
La gnatologia è una scienza che ha acquisito nel corso del tempo notevoli ed approfondite conoscenze, occupandosi quindi di problematiche abbastanza frequenti tra la popolazione tra cui digrignamento, dolore al collo o al viso, serramento diurno o notturno, problematiche inerenti il movimento della mandibola o a blocchi mandibolari, non corretta postura, etc. Queste tipologie di problematiche, sopratutto negli ultimi anni, sono sempre più maggiormente frequenti nella popolazione in quanto spesso sono espressione di fattori psico-somatici che nel tempo diventano vere e proprie problematiche fisiche.
Le principali patologie trattate dalla Gnatologia

  • Difficoltà di apertura e chiusura della bocca

E’ particolarmente frequente rivolgersi allo specialista della Gnatologia in presenza di difficoltà all’apertura e chiusura della bocca (disturbi delle articolazioni temporo-mandibolari) o addirittura quando la mandibola è totalmente bloccata. In questi casi il Paziente si presenza presso lo specialista Gnatologico con evidente difficoltà motorie di tutta la bocca o addirittura in situazioni in cui la mandibola rimane totalmente bloccata. Si tratta evidentemente si situazioni particolarmente delicate e che richiedono un intervento tempestivo dello specialista al fine di ristabilire una corretta apertura e chiusura della mandibola e, allo stesso tempo, di adottare tutte le metodiche necessarie affinche non ci sia nel futuro una recidiva. Le metodiche cliniche applicate in queste situazioni sono generalmente non invasive ne tanto meno cruente o dolore ma che richiedono una adeguata collaborazione da parte del Paziente.
–        Bruxismo
Il Bruxismo, o più comunemente conosciuto come “serramento dei denti”, è un fenomeno in crescita tra i Pazienti. Le cause che possono portare al fenomeno del bruxismo ovvero al serramento dei denti sono ovviamente molteplici e dipendono da soggetto a soggetto. Molto spesso però la causa principale del bruxismo è legato a problemi odontoiatrici ovvero in qualche interferenza nei contatti delle superfici tra i denti sopra e quelli sotto, causata da otturazioni o carie che alterano la struttura dei denti. In questo caso lo specialista gnatologo dovrà eseguire un’attenta valutazione preliminare al fine di valutare la presenza di queste interferenze procedendo quindi ad una corretta sistemazione del contatto occlusale.

  • Dolori al viso ed al collo

Molto spesso accade che il paziente con dolori al viso ed al collo interpreti in maniera non corretta tali problematiche. Esiste infatti una correlazione diretta tra questi dolori e la presenza di una malocclusione (ovvero una occlusione non corretta dei denti) e che può scaturire situazione particolarmente invalidante per il paziente. Il paziente infatti pensa, almeno inizialmente, che si tratta di dolori derivanti da traumi notturni (durante il sonno) involontari oppure da infiammazioni dovute al freddo. Nel corso del tempo però ci si accorge che questi dolori hanno una natura ben diversa e si tenta quindi una valutazione Gnatologica. Lo specialista in questo caso procederà nel ristabilire innanzitutto un corretto allineamento dell’occlusione e allo stesso tempo di distendere i muscoli facciali e del collo (causa del dolore) tramite opportuni dispositivi clinici.

  • Mal di testa da Malocclusione

Il mal di testa da occlusione o più comunemente chiamato cafalee da malocclusione è una tipologia di sintomatologia molto comune tra pazienti ma che spesso è confusa con il normale mal di testa e quindi non trattato in maniera mirata. La cefalea da malocclusione infatti, diversamente da una normale cefalea, ha origini di carattere gnatologico e più specificatamente viene originata da una non corretta occlusione che va quindi a stimolare tutto l’apparato muscolare del viso sviluppando sintomatologie da cefalea. E’ opportuno quindi eseguire tutte le opportune verifica in presenza di Cefalea persistente e non diversamente spiegabile.

 

  • Acufeni

Per acufeni si intende rumori di varia entità (fischi, ronzii, sibili) che il paziente avverte in condizione di silenzio ambientale. Le cause degli acufeni sono molteplici e possono riguardare anche il sistema masticatorio, nel senso che un ipertono dei muscoli cranio-mandibolari, può essere un fattore scatenante gli acufeni. Di solito sono Quelli recenti sono più facilmente risolvibili: basterà impiegare un ortotico di stabilizzazione notturno per valutare quanto l’apparato masticatorio sia responsabile

  • Mal di schiena, alle gambe ed alle spalle

E’ una disciplina che si è sviluppata negli ultimi 15 anni: lo gnatologo è una delle figure cardine del sistema posturale (posturologia). In questi anni ci siamo accorti che la posizione della mandibola e il contatto dei denti (disordini occlusali) può avere un ruolo importante sui disordini posturali (dolori ai muscoli lunghi della schiena, delle spalle e delle gambe). E’ importante comunque la coordinazione di figure specifiche dell’area posturale: gnatologo, otorino (vestibologo), fisiatra, osteopata, fisioterapista chinesiologo. Il fiorire di queste nuove figure ha generato una certa confusione in un’area comunque in fase evolutiva.

Vi sono poi i sintomi posturali alla schiena che possono irradiarsi alle gambe che comunque vanno valutati dallo gnatologo. A causare questi sintomi (disfunzione cranio-mandibolare) sono spesso procedure odontoiatriche eseguite senza attenzione ai muscoli e alle articolazioni: semplici otturazioni, protesi fisse o mobili, ortodonzia (spostamento dei denti) fissa o mobile.